1st Sport Nutrition International Conference: from science to practice.

 

Visto che qualche weekend fa ho saltato un nostro appuntamento settimanale (e voi avete pianto tantissimo 😜), oggi vi parlerò, a grandi linee, dei temi trattati alla I° conferenza internazionale di Sport e Nutrizione che c’è stata a fine Novembre a Bologna.

Ecco riportate tante piccole perle di sapere, curiosità e strategie estrapolate dalle diverse talks. Iniziamo.

  • Siete particolarmente irritabili? Probabilmente avete perso una quota idrica pari all’1,5% del vostro peso.
  • Non è consigliabile adottare la pratica del digiuno intermittente nel lungo termine. Il rischio è quello di ridurre, nel tempo, l’assunzione calorica giornaliera e, di conseguenza, la massa muscolare.
  • Per i disturbi gastrointestinali correlati agli sport di lunga resistenza di grande utilità risultano le diete a bassissimo contenuto di fibre. Soprattutto nelle 24h precedenti la competizione.
  • Anche l’intestino va allenato.
  • L’HMB (beta-idrossi beta metilbutirrato) sembrerebbe essere utile durante allenamenti intensivi ed in condizioni di sarcopenia (scarsa massa muscolare). Ulteriori ricerche andrebbero fatte a riguardo.
  • Negli esercizi di endurance le donne, rispetto agli uomini, bruciano più grassi che carboidrati.
  • Un vigile del fuoco americano consuma ogni giorno dalle 2700 alle 6000 Kcal al giorno.
  • Cosa fare per recuperare il prima possibile le scorte di glicogeno dopo l’esercizio fisico? Semplice, assumere carboidrati. As soon as possible.
  • Soggetti affetti da patologia hanno un costo energetico maggiore rispetto a soggetti in condizioni fisiologiche.
  • Scaldare un arto nella fase di recupero aiuta a ripristinare le scorte di glicogeno.
  • Le diete chetogeniche, bloccando le vie dell’ipertrofia, sono inutili per aumentare la massa muscolare. Negli sport di endurance invece, sembrerebbero ridurre la sensazione di fatica.
  • Il costo energetico della corsa è indipendente dalla velocità.
  • Se la vostra massa muscolare è compromessa, l’angolo di fase (un parametro rilevabile tramite bioimpedenziometria) sarà più basso.
  • Il selenio avrebbe un ruolo significativo nelle patologie tiroidee.
  • In caso di allenamenti troppo intensivi il cortisolo (l’ormone dello stress) aumenterà mentre l’FT3 (ormone tiroideo) scenderà. Per ripristinare la normale funzione tiroidea saranno necessarie 72 h.
  • Meglio l’allenamento full body o split? Se puntate alla crescita muscolare meglio il full body. Parola di Brad Schoenfeld.
  • Se puntate all’ipertrofia muscolare, pensate prima a recuperare bene tra un allenamento e l’altro.
  • Il microbiota influenzerebbe non solo la nostra forma fisica ma anche il nostro comportamento.
  • State cercando un buon integratore di omega 3? Cercate la certificazione IFOS (International Fish Oil Standards), un ente indipendente, riconosciuto a livello internazionale, che valuta la concentrazione degli acidi grassi Omega 3, la loro purezza (assenza di contaminanti) e il grado di ossidazione, adottando i criteri definiti dall’organizzazione mondiale della sanità (WHO) e del Council for Responsible Nutrition (CNR).
  • In soggetti sani, la dieta senza glutine non è poi così innocua.

Si è detto questo ma si è detto anche molto altro che, purtroppo, non riesco a sintetizzare in poche righe. Il rischio sarebbe quello di semplificare troppo ed andare incontro a misunderstanding.

C’è stato un concetto che comunque è emerso spesso ed è stato sottolineato da tutti i relatori: non esiste una singola strategia che funzioni per tutti.

Se esistesse una regola universale, non ci porremmo più il problema.

Se esistesse una regola universale, basterebbe utilizzare qualche formula per calcolare il metabolismo basale ed avere tutto chiaro.

Se esistesse una regola universale, basterebbe Google per scaricare qualche dieta preimpostata.

 

La nutrizione va personalizzata.

In base allo sport, in base alla condizione di salute, all’età, al sesso, alla valutazione della composizione corporea. Va tutto contestualizzato o, come mi piace pensare, cucito sulla persona.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto ed abbia soddisfatto le tue aspettative. 🤗

Fammelo sapere lasciandomi un commento! 😉

Buona Domenica,

Alessandra

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *